Menconico - Accademici del salame

Vai ai contenuti

Menu principale:

Menconico

Il nostro salame > La D.O.P. > Zone di produzione

www.comune.menconico.pv.it

Cenni Storici

La storia di Menconico è strettamente legata a quella del Monte Penice, situato ai confini del suo territorio comunale. Dal toponimo Penice anticamente chiamato Mons Conicus deriverebbe il nome stesso del paese che significa "luogo delle grandi rocce".

Il feudo di Menconico fu donato a San Colombano da Aldovaldo figlio del re Agilulfo e la tradizione narra che nell'anno 613, proprio da Menconico sia passata la regina Teodolinda in visita a San Colombano. Nel secolo XI, Menconico entrò a far parte del feudo di Varzi quando l'Imperatore Federico Barbarossa concesse il feudo al marchese Obizzo Malaspina. Proprio a Menconico nel 1221 fu redatto il documento con cui Corrado e Orbizzo Malaspina decisero di spartirsi i territori della propria famiglia dando vita ai due rami della casata, lo Spino Secco e lo Spino Fiorito. Con l'avvento dei Visconti, il marchesato di Varzi venne smembrato e il territorio di Menconico concesso a Petrolino Dal Verme. Il nuovo feudo, chiamato terziere di Menconico, fu successivamente assegnato dal duca Galeazzo Maria Sforza agli Sforza di Santa Fiora.

Da Vedere:
Il borgo di impianto medioevale e la chiesa di San Giorgio caratterizzata dall'altare maggiore in legno dorato del secolo XVIII. Nei dintorni, vi sono il Santuario della Beata Vergine, sulla vetta del Monte Penice, e l'Oratorio di Santa Maria di Banzolo, un tempo ospitaletto per pellegrini.







 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu